Euroimport Pneumatici, non è ancora il momento di mettere in garage le gomme invernali

Il mese di marzo è appena iniziato, ma più che di primavera sembra essere aria di inverno, e le previsioni annunciano anche peggioramenti per la seconda decade, con arrivo di gelate artiche. Insomma, non è ancora il momento di mettere in soffitta le gomme invernali, che anzi possono rivelarsi davvero importanti per aumentare la sicurezza.

Altro che aria di primavera! A guardare le previsioni degli esperti per questo mese di marzo, sembra piuttosto il caso di prepararsi a un colpo di coda della stagione fredda, che sorprende l’Italia dopo un febbraio tendenzialmente mite. E quindi, anche se stiamo avvicinandoci all‘equinozio del 21 marzo, saremo costretti a fare i conti con aria fredda e addirittura artica, con possibile rischio di nevicate a quote medie o medio basse, soprattutto in prossimità dei rilievi appenninici centrali e sulle Alpi di Nord est.

Pneumatici invernali

Primavera lontana. A maggior ragione, dunque, sembra lontana la data del 15 aprile, quando cioè scade l’obbligo di montare pneumatici invernali per garantire maggiore sicurezza alla guida: a guardare il meteo, infatti, non è ancora il momento di mettere in soffitta le gomme pensate per dare il meglio in condizioni di pioggia, neve e fondi stradali scivolosi, proprio perché questi eventi naturali potrebbero ripresentarsi ancora da qui alle prossime settimane.

Ultimi accorgimenti. Meglio allora prendersi le giuste cautele, e procedere in caso di necessità – o di viaggio in una località turistica montana – a un cambio “in extremis”, acquistando un nuovo treno di pneumatici per mettersi al riparo da imprevisti atmosferici e problematiche varie. È il momento giusto di controllare le offerte in vetrina su Euroimport Pneumatici, l’e-commerce italiano più conveniente, che proprio alle gomme m+s dedica promozioni particolari.

Mercati in fermento. Ed è anche il momento di affrettarsi, perché dai mercati finanziari arrivano notizie che non faranno piacere ai consumatori: a causa di una combinazione di fattori, infatti, i costi delle materie prime necessari alla produzione dei prodotti in gomma sono in continuo aumento, con riflessi diretti sui prezzi degli pneumatici. Come evidenziato anche da un recente articolo del Sole 24 Ore, i responsabili degli incrementi sono in particolare le condizioni climatiche della Thailandia (e le alluvioni che hanno colpito l’area), gli incentivi per l’acquisto di auto in Cina e la speculazione finanziaria.

Pneumatici invernali differenze con pneumatici estivi

Aumentano i prezzi delle materie prime. Secondo quanto viene spiegato nel pezzo, nel giro di pochi mesi sono raddoppiati sia i prezzi del caucciù che quelli del butadiene, un gas impiegato per produrre gomma sintetica, che oggi hanno raggiunto i massimi da circa 5 anni. Dal punto di vista pratico, complice anche il cambio sfavorevole dello yen, la giapponese Bridgestone ha annunciato ufficialmente il primo calo dell’utile netto degli ultimi 7 anni, una rotta che il primo produttore di pneumatici al mondo proverà a invertire incrementando i prezzi di listino dello 0,5%.

Rincari in arrivo. Decisioni simili sono state annunciate da Michelin (che inizia con un innalzamento dell’8%, senza escludere ulteriori aumenti) e da Pirelli, mentre la Goodyear ha alzato i prezzi delle sue gomme già dal primo marzo. Colpa del caucciù, come detto, che a fine gennaio ha raggiunto un picco di 366,7 yen/kg per poi assestarsi su quotazioni inferiori, ma comunque più care dell’80% rispetto a quelle dello scorso ottobre.

Fattori negativi. Di questo scenario hanno approfittato i trader, specialmente in Cina, che hanno preso di mira la materia prima e hanno decuplicato i volumi di scambio sulla gomma. In ultimo ci si è messa la natura, con le alluvioni che hanno colpito la Thailandia, responsabile del 40% delle forniture mondiali di gomma naturale, procurando la perdita del 7,6% della produzione attesa a causa delle inondazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Servizi
Listino
Ambiente
L’auto HOT del giorno!
  • Anteprima Foto Spia nuova Volkswagen Polo MY 2018
Ultime news
Su Twitter!
Trova
Utilitarie